Ti sogneresti mai di camminare a piedi nudi in un bagno pubblico?

Oppure nel bagno degli spogliatoi della piscina o della palestra?

Eppure metti spesso e volentieri i piedi nel piatto della tua doccia

Forse non sai che molto spesso la qualità di igiene che c’è nel piatto della tua doccia è molto simile a quella dei bagni pubblici, solo che non siamo abituati a prestare attenzione a questa cosa.

Hai mai fatto caso a quelle macchioline nere che si formano nel bordo della doccia o nelle fughe delle mattonelle della doccia?

O peggio ancora quelle strisce rossastre che si formano nei bordi dove c’è il silicone?

Bene, quelle lì non sono altro che formazioni di muffa e di batteri.

Quindi, quando ti dico che lo sporco che trovi in un bagno pubblico non è peggiore, non ti sto dicendo una bugia.

Devi pensare che tu ci appoggi i piedi, ci appoggiano i piedi i tuoi figli, tuo marito, molto spesso i bambini vanno a metterci le mani

Sai che i bimbi mettono le mani in posti impensabili

Mi viene in mente la mia bimba che quando fa la doccia si mette in ginocchio a giocare con i suoi animaletti per spruzzare acqua o per fare la schiuma.

Ecco quelle sono tutte situazioni in cui si entra a contatto con batteri e di sicuro non è una buona cosa entrare in contatto coi batteri nelle nostre case.

Questo tipo di sporco si forma perché per mesi e mesi e anni e anni fai le pulizie di casa senza utilizzare i giusti prodotti, senza porre rimedio a questi batteri.

Poi sopra a questo sporco si stratificano i residui dell’acqua, quindi il calcare, poi nuovo sporco, di nuovo batteri, poi calcare, quindi a un certo punto diventa impossibile rimuovere questo tipo di sporco, tanto che si può arrivare a delle situazioni simili a quelle che vedi nelle immagini.

Queste sono immagini vere di fotografie che mi hanno postato nel Gruppo Facebook “Come pulire qualsiasi cosa con Fabrizio Zanetti – L’esperto risponde” le mie amatissime clienti, che mi scrivono disperate: “come posso fare Fabrizio per risolvere questo problema?

ECCO COSA PUOI FARE:

  1. Nebulizza Lemontrì sulla superficie da pulire
  2. lascialo agire tranquillamente per quattro o cinque minuti
  3. strofina con un Panno in Microfibra.
  4. utilizza un vecchio spazzolino da denti per andare a strofinare la superficie dove non arrivi con il panno.

Nei punti in cui puoi arrivare con la spugna, ti consiglio di utilizzare la Evosponge oppure una spugna abrasiva (come quella gialla e verde che si usa per i piatti) e strofinare per qualche minuto energicamente per poi risciacquare.

Ripeti tutta l’operazione se non è stato sufficiente il primo passaggio.

Ti consiglio poi di fare le tue pulizie quotidiane della tua doccia con Usamix, il sanificante a base di ossigeno attivo di Verdevero che puoi utilizzare in questo modo:

  1. lo nebulizzi sulla superficie da pulire
  2. strofini con il panno in microfibra
  3. poi risciacqui con il microfono della doccia.

Se fai abitualmente (che significa almeno un paio di volte alla settimana) questa pulizia con Usamix vedrai che molto difficilmente si riformeranno muffe in quei punti.

Se dovesse riformarsi, puoi agire di nuovo con la formula che ti ho spiegato sopra.

Trovi Lemontrì, Usamix e il panno in microfibra nella Green Box di Verdevero.

La Greenbox è lo starter kit per iniziare da subito le pulizie sane in casa.

Con la Greenbox potrai:

  • Iniziare da subito a non esporre la tua famiglia allo sporco e ai batteri da bagni pubblici
  • Iniziare subito a pulire senza esporre la tua famiglia alle bombe chimiche
  • Riceverla direttamente a casa ordinandola comoda comoda dal tuo divano
Vittoria: un nuovo modo per eliminare la muffa nera della doccia senza bombe chimiche ultima modifica: 2017-06-11T08:30:49+00:00 da Fabrizio Zanetti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.