Sarà capitato anche a te…

Di conoscere qualcuno di un po’ strano…

Ad esempio io conosco un vecchino di 83 anni in perfetta salute che da quando è in vita beve ogni giorno un bicchiere di acqua di fiume.

Io abito in un piccolo paesino in riva al fiume Brenta, a pochi km da Bassano del Grappa, e c’è questo signore che mi racconta che tutti i giorni beve un bicchiere di quell’acqua.

Scende al fiume, ha un bicchiere nascosto vicino a un albero, si avvicina alla riva, raccoglie un po’ di acqua e se la beve.

Ecco questo è un comportamento che 40/50 anni fa non avrebbe destato alcun tipo di scalpore.

Al giorno d’oggi invece vedere una persona che va al fiume prende l’acqua e la beve ci fa impressione.

Io le vedo le facce delle persone nella spiaggia in riva al fiume che lo guardano come se fosse un pazzo….

Tutto questo è causato dal nostro stile di vita, da come viviamo.

Viviamo in un mondo pieno di comfort ma allo stesso tempo in un mondo che ci offre sempre maggiori pericoli.

Bere acqua di fiume è diventato rischioso, l’acqua è inquinata, all’interno dell’acqua del fiume arrivano gli scarichi delle fabbriche, gli scarichi stessi delle aziende agricole sono inquinate, gli scarichi delle nostre abitazioni che portano al fiume i detersivi che utilizziamo all’interno delle nostre case.

Ma ci stupiamo di un vecchio che beve acqua di fiume senza pensare a quanto è inquinata l’aria che ci respiriamo in casa.

Anche rimanendo all’interno della nostra casa i problemi sono enormi.

Infatti:

Cosa respiriamo attraverso le vernici dei nostri mobili?

Cosa respiriamo attraverso i muri e i cementi con cui sono fatte le case?

Cosa respiriamo quando puliamo?

Siamo costantemente intrisi da odori, da sostanze, da microparticelle che ci inquinano.

Cosa si porta alla bocca il tuo bambino che gioca con un giocattolo di plastica oppure il tuo bambino che gattona nel pavimento appena lavato con un disinfettate?

Cosa respiri quando accendi il forno dopo averlo pulito con l’ultima bomba chimica di nuova generazione?

Dopo averlo sgrassato a fondo e lo riaccendi per metterci dentro le nostre lasagne, cosa ti respiri?

E l’odore che hanno quei mobili in legno o oggetti di plastica che sanno “di nuovo”?

Quelle sono sostanze chimiche che verranno rilasciate nell’aria.
(
nota per le mamme: Meglio usare mobili usati da tempo per la cameretta del bimbo, cosicché i vapori delle sostanze protettive abbiano lasciato del tutto il legno o far areare molto bene la stanza in caso di mobili nuovi)

O ancora dopo che hai pulito il bagno con quella super bomba che toglie tutte le macchie di calcare e vai a farti la doccia, inizi a respirare i vapori chimici.

In pratica respiriamo tutto il giorno le stesse sostanze che il vecchino vicino a casa mia beve nel fiume.

Solo che stare immersi e continuare a respirare queste cose, entrare in contatto diretto con queste cose, è diventata talmente tanto una routine che non ci facciamo più caso.

E allora, mentre il vecchino che beve l’acqua al fiume crea scalpore perché lo vediamo proprio andare li a prendersela e non è un’azione che vediamo fare tutti i giorni…

...I detersivi petrolchimici che usi tutti i giorni ti fanno respirare e stare a contatto con un ambiente che non è meglio dell’acqua inquinata del fiume che il vecchino beve:

>Rilasciano odori fastidiosi per le vie respiratorie;

>Lasciano sulle superfici sostanze che i bambini ingeriscono portandosi le mani alla bocca;

>Lasciano nelle tue tazzine – dopo una lavastoviglie – residui petrolchimici che tu ingerisci mangiando;

>Lasciano ingredienti irritanti sui capi che indossi tutto il giorno.

Forse dirai: Ho capito Fabrizio, ma cosa posso fare per non correre tutti questi rischi?

La soluzione è semplice.

Se vuoi:

-evitare di continuare a mettermi addosso sostanze irritanti;

-continuare a respirare odori chimici irritanti,

-evitare che i tuoi figli mettano in bocca un bicchiere con residui di sostanze petrolchimiche…

La soluzione è semplicissima.

Detersivi Ecologici con ingredienti Naturali Verdevero.

Io l’ho imparata, oltretutto a spese mie dato che mi sono avvicinato all’ecologico perché avevo problemi dermatologici (degli arrossamenti), e come me anche mio figlio di un anno.

Ed è venuto fuori parlando con mia mamma che mio papà soffriva della stessa cosa da molti anni.

La soluzione è quella di cominciare a utilizzare prodotti ecologici.

Cosa significa “ecologici”?

Significa che sono ricavati dalle piante invece che dal petrolio.

E che sono dermatologicamente testati e che quindi non sono irritanti per le nostre pelli.

Inoltre che non rilasciano vapori chimici all’interno delle nostre case (quindi non ci irritano le vie respiratorie.)

Ecco tutto questo è possibile!

Forse starai pensando:

  • Dove trovo questi detersivi ecologici?
  • Ma costano un botto più degli altri?
  • Come posso sapere se puliscono davvero?

Il primo passo che ti consiglio di fare per passare alle pulizie ecologiche è quello di leggere questo articolo e prenotare subito la tua Green Box di Verdevero.

È uno starter kit che contiene i principali detersivi ecologici Verdevero per cominciare subito a pulire in modo sano e prenderti cura dell’ambiente e della tua famiglia.

La GreenBoxontiene tantissime informazioni, le guide per cominciare a pulire in modo ecologico, per sapere sempre come fare a pulire in modo sano per la tua famiglia e per l’ambiente.

Il vecchino vicino casa mia ti ringrazierà perché comincerà di nuovo ad assaporare il sapore di un’acqua più buona, che sa meno di plastica, e più simile a quella che beveva cinquant’anni fa.

 

 

Come fare per ridurre l’inquinamento domestico ultima modifica: 2017-05-08T19:37:38+00:00 da Fabrizio Zanetti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SM E-commerce Popup Test