Pelle arrossata, screpolata, pruriginosa e secca…

In due parole: le mani di mia nonna.

Il ricordo più vivo che conservo di mia nonna sono le sue carezze super ruvide.

Mia nonna passava la maggior parte della sua giornata nell’orto.

Seguiva le sue orticole e accudiva i suoi animali: polli, galline e conigli.

Poi quando rientrava in casa si “disinfettava” le mani (così diceva lei) lavandole con candeggina.

Solo che poi con gli anni si è ritrovata la pelle delle mani che sembravano carta vetrata:

-piene di screpolature,

-perennemente arrossate,

-sempre secche e ruvide,

-spesso squamate.

Ora viviamo in un mondo in cui nessuno si sogna di lavarsi le mani con candeggina… ma molto spesso la nostra pelle presenta i sintomi delle mani di mia nonna.

Sono certo che uno di questi sintomi è comparso anche a te o a un membro della tua famiglia.

Magari sei molto attenta a come ti nutri o a cosa ti spalmi sulla pelle.

Stai attenta agli ingredienti dello shampoo o del bagnoschiuma che usi in casa per lavarti o per lavare i tuoi bimbi.

E stai attenta alle creme che ti spalmi addosso. Controlli gli ingredienti e spendi molti soldi per portarti a casa i migliori prodotti.

Eppure il problema rimane:

mani arrossate e che prudono.

macchioline rosse nei gomiti o nelle ginocchia

arrossamenti nelle parti morbide del corpo.

Per non parlare della pelle perennemente arrossata dei neonati. Se ne hai uno in casa (o ne hai avuto uno) sai di cosa parlo.

Ebbene, anche se stai attenta a quali prodotti per l’igiene personali ti porti a casa, ti manca un elemento da considerare: il detersivo.

Anche se non ci pensi il detersivo che usi te lo porti addosso tutto il giorno, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

I residui dei detersivi petrolchimici rimangono appicciati sulle fibre.

Nelle formulazioni infatti si usano:

siliconi per rendere il capo facilmente stirabile

sbiancanti per rendere il capo bianco che più bianco non si può

tensioattivi aggressivi per togliere lo sporco

profumo che invade l’aria e ti innonda le narici.

E tutto questo ti rimane a contatto con la pelle che assorbe tutto.

Pensa ai nuovi cerotti per il mal di schiena: solo portandoli addosso tutto il giorno il dolore ti passa.

Ti passa perché la tua pelle si assorbe gli ingredienti appiccicati sul cerotto.

Ecco, allo stesso modo la tua pelle si assorbe gli ingredienti rimasti appiccicati ai tuoi vestiti e quelli dei tuoi cari.

Ed ecco che compaiono arrossamenti, pruriti e desquamazioni.

Insomma:

-detersivi,

-profumi ( e i detersivi petrolchimici ne sono pieni)

-solventi,

-metalli pesanti,

sono tra le principali cause del sorgere di questo problema fastidioso.

Guarda ad esempio questa bella tabella che ho ricavato dal sito medicina360.com

Magari sei già stata dal dermatologo, hai comprato la crema che ti ha suggerito, segui le sue dritte e non risolvi il problema.

E’ frustrante lo so, ci sono passato con il mio bimbo.

E proprio da questo episodio poi ho deciso di convertire il mio lavoro da commerciante di detersivi petrolchimici a produttore di detersivi naturali.

Ci sono 5 semplici regolette che puoi iniziare a seguire subito per migliorare in pochissimi giorni il prurito e gli arrossamenti della tua pelle.

 

Regola #1

Elimina da casa tua prodotti super irritanti come candeggina e ammoniaca.

Hai visto tutti quei simbolini arancioni sul retro di questi prodotti?

Stanno a significare che sono pericolosi… eppure noi continuiamo a portarceli in casa e a usarli.

Tu ti ritrovi con le mani irritate perché li utilizzi ma la tua famiglia se li respira tutto il giorno dopo che hai pulito il bagno o lavato il pavimento.

Questi prodotti rilasciano i cosidetti COV (composti organici volatili) nell’aria e te li respiri 24 ore su 24.

Peggio ancora, se li respira la tua famiglia.

 

Regola #2

Segui scrupolosamente le dosi di uso riportate nelle etichette dei detersivi.

Quando abbondi con il detersivo rischi di lasciare sui tuoi capi ancora più residui pericolosi che la pelle si assorbe.

Hai mai fatto caso che a volte rimangono dei puntini bianchi sui capi più scuri?

O che al tatto prima di asciugarli senti una sensazione strana come se ci fosse una crema spalmata sul vestito?

Ebbene sono eccessi di detersivo. La prima regola da seguire è proprio quella di dosare il deterisivo nel modo corretto.

Potresti avere in mente questa regola:

+ DETERSIVO = + PULITO

Ebbene è sbagliata. La verità è questa:

+ DETERSIVO  = + RESIDUI SUI VESTITI che significa + PRURITO e + ARROSSAMENTI

 

Regola #3

Butta i detersivi petrolchimici e usa detersivi naturali certificati.

Hai fatto caso quante persone sono passate al detersivo ecologico? E pensi sia questione di “moda”?

Il vero motivo è che sono più delicati sulla pelle perché sono:

ipoallegenici, non contengono ingredienti aggressivi sulla pelle

Nickel tested, sono testato per il contenuto di metalli pesanti come nickel-chromo-cobalto

-di origine vegetale, e quindi più delicati sulla tua pelle

 

Regola #4

Scegli detersivi privi di profumi o se proprio non puoi fare a meno del profumo accertati che siano profumi privi di allergeni.

Ogni profumo è irritante per sua natura perché contiene allergeni.

Gli allergeni provocano irritazione della pelle e delle vie respiratorie.

Anche prodotti naturali come oli essenziali contengono allergeni che provocano irritazione e arrossamenti.

I profumi di nuova generazione sono privi di allergeni e quindi non irritano la pelle.

Il primo passo da fare per iniziare subito a prenderti cura della tua casa e della tua famiglia è lavare i tuoi capi in modo naturale ed evitare ingredienti irritanti e dannosi per la pelle.

Abbiamo creato un KIT che contiene i prodotti indispensabili per iniziare subito a lavare i tuoi capi:

-in modo sano,

-con ingredienti gentili con la tua pelle 

-che ti fanno respirare serenamente in casa tua

>>>Lo trovi qui: KIT BUCATO PROFUMATO

Pelle arrossata e screpolata: le 4 cose da fare in casa se rivuoi indietro la tua pelle sana ultima modifica: 2017-11-08T11:24:48+00:00 da Fabrizio Zanetti

3 pensieri su “Pelle arrossata e screpolata: le 4 cose da fare in casa se rivuoi indietro la tua pelle sana

  1. Emanuela dice:

    Buongiorno Fabrizio, ho da poco acquistato la Green box e mi sono letteralmente innamorata di floreali! Mi chiedevo: è possibile sciogliere un po’di floreale nell’acqua distillata e creare uno spray profumato da usare su tessuti e ambienti? Grazie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.