A chi non è mai capitato di trovare il forno appiccicoso ed incrostato di unto e macchie dopo una lunga preparazione?

Se usato spesso il forno si sporca esattamente come tutti gli altri elettrodomestici.

Ecco tutti i nostri migliori consigli per sbarazzarsi delle incrostazioni e delle macchie, anche delle più secche e ostinate!

Cosa succede al forno se si trascura la pulizia

Il forno trascurato incontra una lunga serie di problematiche, alcune facilmente risolvibili e alcune più serie. Vediamo le principali:

  • Il vetro sporco non farà vedere la pietanza in preparazione: potrebbe bruciarsi o cuocere in modo poco omogeneo, perché non potrete sorvegliarla adeguatamente
  • Se lo sporco si accumula sugli elementi riscaldanti, come la serpentina, la cottura sarà disomogenea e insufficiente, o richiederà davvero molto tempo
  • Lo sporco carbonizzato può conferire un sapore e un odore di bruciato al cibo
  • Le particelle di sporcizia ricadranno inevitabilmente sul cibo, contaminandolo

Ogni quanto pulire il forno

Se usi spesso il forno ti consigliamo di pulirlo a fondo non meno di una volta al mese.

Se lo usi sporadicamente e prevalentemente per riscaldare le pietanze piuttosto che per cuocerne di grasse, può andare bene una pulizia accurata ogni tre mesi.

Rimandare troppo la pulizia rischia di far accumulare la sporcizia in strati, decisamente più difficili da rimuovere e che richiederanno più fatica, più tempo e detergenti più aggressivi.

Naturale o sintetico? Quale detergente scegliere per il forno

I detergenti naturali sono ovviamente i nostri preferiti.

Succo di limone e aceto, con la loro acidità, sciolgono efficacemente la sporcizia e il grasso, sebbene con un tempo di posa piuttosto lungo. Hanno anche il vantaggio di essere molto economici, facilmente reperibili e di non creare contaminazione chimica sul cibo.

Di contro, però, una sporcizia davvero molto ostinata e incrostata, per esempio per una trascuratezza nella pulizia periodica, potrebbe aver bisogno di un detergente specifico.

La capacità pulente dei detergenti è assicurata dalla quota di tensioattivi presenti (le sostanze che permettono ai saponi di schiumare).

Il tempo di posa è decisamente più breve: possono bastare tra i 5 ei 30 minuti, a seconda del livello di incrostazione dello sporco.

Hanno quindi un’azione più veloce ma portano con se alcune contro indicazioni innegabili: il tempo risparmiato va infatti utilizzato in seguito per eseguire un risciacquo attento delle superfici, in quanto i residui potrebbero vaporizzarsi nel forno nei successivi utilizzi andando ad alterare il sapore delle pietanze, oltre che ad essere comunque particelle pericolose per l’organismo umano.

Una pasta “magica” per la pulizia del forno

Un forno incrostato di sporcizia può venire pulito efficacemente con un impasto naturale, facilissimo da creare. Ti servirà solo una base acida (succo di limone o aceto) e di bicarbonato. Crea un impasto omogeneo e liscio e lascialo agire sulla superficie del forno per almeno 5-6 ore prima di risciacquare.

Ma per sapere esattamente come pulire un forno da macchie ed incrostazioni continua a leggere!

La procedura di pulizia del forno

Eccoci al punto più importante: cosa fare esattamente per pulire il forno dalle incrostazioni. Prendiamo per esempio il caso peggiore, cioè quello di un forno molto sporco e unto.

Tratta inizialmente con il vapore. Puoi usare, se ne disponi, un elettrodomestico apposito, oppure riempire un contenitore d’acqua bollente e lasciarlo nel forno caldo e acceso per circa mezz’ora. Scegli ovviamente contenitori in materiale sicuro: metallo o vetro per il forno tradizionale, plastica specifica o vetro per il forno a microonde. Dopo mezz’ora spegni il forno, non aprirlo e fallo raffreddare per un’ora.

Usa uno strumento abrasivo. I migliori sono spugne, dalla parte più ruvida, e pagliette in acciaio. Attenzione al rivestimento interno: se il vetro è la parte meno delicata, il rivestimento può danneggiarsi se gli strumenti abrasivi vengono usati con troppo vigore.

Passa la pasta di bicarbonato e succo di limone e aceto con una spazzola, un pennello pulito o una spugna, anche su griglie e placche. Lasciala agire per non meno di alcune ore.

Usa un panno o una spugna asciutta per togliere i residui più grossolani. Poi, usane uno bagnato per eliminare anche le tracce più piccole e per risciacquare attentamente. Infine asciuga le componenti e il forno e rimonta le griglie e le teglie.

Come pulire il forno dalle incrostazioni e dalle macchie più ostinate ultima modifica: 2020-12-10T07:21:47+01:00 da Fabrizio Zanetti

Ho un regalino per te da parte da Verdevero
Iscriviti alla newsletter e ricevi il manuale “35 trucchetti per pulire” GRATIS oggi stesso + tanti trucchetti e offerte su detersivi Bio