Immagine confezione carbonato

Il carbonato di sodio: i mille utilizzi di un elemento prezioso nella pulizia

Quando parliamo del Carbonato di sodio, facciamo riferimento a uno degli elementi naturali maggiormente utilizzati per la pulizia della casa, che possiamo impiegare in molte delle faccende domestiche legate all’igiene, come ad esempio pre-trattare i capi prima del lavaggio in lavatrice o la pulizia delle superfici della cucina.

Con il tempo queste caratteristiche sono divenute celebri e molto conosciute, a tal punto che il carbonato di sodio può essere conosciuto anche con il nome di soda da bucato.

Si tratta di un elemento di origini molto antiche, utilizzato già all’epoca degli antichi egizi nei processi di imbalsamazione, le cui proprietà sgrassanti e pulenti furono teorizzate dal chimico belga Ernest Solvay che ne perfezionò la formula.

Altra caratteristica del carbonato di sodio, che non deve essere confuso con altri elementi dal nome simile, come il Bicarbonato di sodio o il percarbonato di sodio, è quello di essere ormai facilmente reperibile e con un basso costo d’acquisto, cosa che lo rende ancora più irrinunciabile nelle pulizie domestiche di tutti i giorni.

Cos’è il carbonato di sodio?

Partiamo dalla questione più tecnica, andando a definire scientificamente cos’è il carbonato di sodio.

Questo elemento si presenta come una polvere bianca più o meno fine che risulta molto facile da mescolare nell’acqua.

A livello chimico, il carbonato di sodio è un sale (Na2CO3), un prodotto di sintesi con delle potenti proprietà alcaline, cioè corrosive.

Questa caratteristica gli permette di essere un ottimo prodotto per pulire e sgrassare le superfici da cucina, del bagno e del giardino, infatti il carbonato di sodio viene inserito anche nelle composizioni dei detersivi sia chimici che naturali.

Attenzione però, la sua corrosività lo rende fortemente inadatto all’uso alimentare: questa è probabilmente la caratteristica che lo differenzia in maniera netta dal bicarbonato di sodio che, al contrario, è molto utilizzato proprio per lavare gli alimenti come frutta e verdura e viene anche assunto per via orale, nel caso si presenti del gonfiore addominale, per aiutare il processo di digestione.

Questa sostanza naturale è consigliata per pulire le pentole e i panni nel caso in cui si decida di fare un’escursione in mezzo alla natura: è infatti un prodotto che non produce schiuma durante il suo utilizzo, pertanto si configura come scarsamente inquinante e 100% ecologico.

Per quanto riguarda la pulizia, il carbonato di sodio è ottimo per sgrassare e igienizzare oggetti di ogni tipo come fornelli, pentole, sanitari, oggetti di arredo per la casa e utensili vari sia da interno che da esterno.

Per quanto riguarda l’utilizzo dell’igiene del bucato, il carbonato di sodio è utilissimo per togliere le macchie dai tessuti in prelavaggio e per attaccare nella fase di lavaggio quelle più ostinate.

Inoltre il carbonato è molto utilizzato e consigliato anche quando si ha necessità di togliere i cattivi odori sia da tessuti, che da oggetti o superfici.

Quanto costa il carbonato di sodio

Il carbonato di sodio è un prodotto al 100% naturale, a basso costo e facilmente reperibile in qualsiasi supermercato o e-commerce specializzato in prodotti per l’igiene della casa.

Il suo prezzo si aggira fra i €2 e i €4 per 1kg di prodotto.

Usi del carbonato di sodio nella pulizia della casa

Si è detto che il carbonato di sodio è un elemento molto utile nel momento stesso in cui ci si trova a pulire o sgrassare gli oggetti estremamente sporchi e incrostati come pentole, griglie, bottiglie contenenti fondi di olio e/o vino o qualsiasi altro materiale che necessita una profonda pulizia.

Oltre a ciò, il carbonato di sodio viene particolarmente utilizzato per pulire le cappe piene di fuliggine, i pavimenti, è utilizzato per igienizzare i sanitari, pulire alcuni mobili di casa (dipende però dal materiale di cui sono composti) come i fornelli, il lavabo e molti altri oggetti di uso quotidiano.

Il metodo migliore per pulire e sgrassare qualsiasi tipo di superficie utilizzando il carbonato di sodio è attraverso una spugnetta imbevuta di acqua calda precedentemente miscelata con l’elemento in questione.

Ciò che differenzia le modalità con cui pulire tali oggetti è la quantità di carbonato di sodio mescolato con l’acqua e l’utensile con cui pulire le superfici.

Spieghiamoci meglio…

Se l’intenzione è quella di pulire un lavandino del bagno, si userà una spugnetta imbevuta di acqua calda con un certo quantitativo di carbonato di sodio (nello specifico un cucchiaio per ogni litro d’acqua); nel caso in cui si deciderà di pulire una superficie più ampia come un pavimento, si userà uno spazzolone con il panno imbevuto di acqua calda e carbonato di sodio (una tazza ogni 4 litri d’acqua).

Un altro articolo sempre trattabile con spugnetta, acqua calda e carbonato di sodio sono le tapparelle (le veneziane) presenti nelle nostre case.

Per quanto riguarda il pre-trattamento del proprio bucato per togliere le macchie ostinate ed eliminare i cattivi odori, si devono mettere dentro una bacinella almeno due litri di acqua calda, due cucchiai di carbonato di sodio e due cucchiai di sale grosso, immergere i capi in questione e lasciare agire per una notte intera. Il giorno dopo il trattamento, procedere con il normale lavaggio.

Finora, quindi, si è detto che il carbonato di sodio è utile per:

  • igienizzare;
  • sgrassare;
  • sbiancare;
  • detergere.

Ma il carbonato di sodio è un elemento in grado di pulire anche gli oggetti con lo sporco più ostinato come gli attrezzi da giardino e il mobilio da esterno.

Il procedimento è sempre il medesimo; utilizzate una spugnetta imbevuta in acqua calda e una massiccia dose di carbonato di sodio e sfregare energicamente sulla superficie che volete trattare.

Ricapitolando quindi il bicarbonato di sodio è un sale utile per:

  • pre-trattare il bucato a mano o in lavatrice;
  • pulire i sanitari;
  • igienizzare il wc;
  • pulire i pavimenti;
  • pulire specchi, vetri e superfici riflettenti;
  • pulire pettini, spazzole, forcine, mollette, etc;
  • pulire la cucina;
  • pulire il garage e gli attrezzi da giardino;
  • pulire le tapparelle di ogni tipo;
  • eliminare i cattivi odori presenti nella casa ad esempio quelli del cestino della spazzatura.

Come non utilizzare il carbonato di sodio e controindicazioni

Essendo un sale alcalino, quindi corrosivo, si deve prestare molta attenzione a come e dove il prodotto viene utilizzato.

Innanzitutto, quando si usano dei prodotti contenti del carbonato di sodio, si consiglia sempre di utilizzare dei guanti per non rovinarsi la pelle.

Per quanto riguarda le superfici e i capi più delicate come il legno, la fibra di vetro o la seta, se vengono a contatto con prodotti corrosivi come il carbonato di sodio, rischiano di rovinarsi in maniera permanente.

È fortemente raccomandato, quindi, non trattare con il carbonato di sodio superfici come:

  • tessuti delicati;
  • cotto;
  • legno;
  • piastrelle in fibra di vetro;
  • tubi di ogni genere;
  • acciaio;
  • legno.

Questo vuol dire che il carbonato di sodio, pur essendo un ottimo detergente e sgrassante, ha comunque delle limitazioni da tenere in considerazione prima di utilizzarlo.

Le proprietà corrosive di questo elemento lo portano anche ad essere estremamente inadatto all’uso alimentare.

Nel caso in cui, per sbaglio, si ingerisca del carbonato di sodio, oppure venga a contatto con gli occhi, si consiglia fortemente di andare a chiedere consiglio al proprio medico di base.

Curiosità: nel caso in cui si voglia neutralizzare l’azione del carbonato di sodio, allora si deve aggiungere nella miscela dell’aceto oppure dell’acido citrico.

Inoltre il carbonato di sodio è uno degli ingredienti per riportare allo spendore il tuo pavimento in gres!

Ecco il video in cui ne parlo:

Il carbonato di sodio: i mille utilizzi di un elemento prezioso nella pulizia ultima modifica: 2014-04-09T00:00:00+02:00 da Fabrizio Zanetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.