Lavorando nel settore dei detergenti ecologici si scopre un universo nascosto fatto di ingredienti, formule chimiche, regolamenti europei e parecchie bufale.

La pubblicità con la quale siamo bombardati fin da infanti, ci ha dato a bere che la nostra casa deve essere igienicamente impeccabile, asettica, altrimenti potremmo perire a causa di chissà quale microrganismo.

In questa lotta all’ultimo batterio, occorrono armi chimiche (letteralmente!) potenti che sconfiggeranno quei cattivoni che osano entrare in casa nostra!

Piccoli, poveri batteri! Raffigurati come mostri bavosi, visitors moderni, caccolosi e grondanti sudiciume! Vorremmo dire, e difatti siamo qui a scriverlo, che senza i batteri la nostra flora intestinale sarebbe inesistenti; che sarebbero inesistenti anche le nostre difese immunitarie e che, probabilmente, moriremmo per il semplice fatto di respirare.

Ecco, allora il fatto è uno: i batteri, quelli buoni (perché poi siamo d’accordo che esistono anche quelli cattivelli), servono. E i detergenti convenzionali, pieni di ingredienti inquinanti di origine petrolchimica li uccidono.

Ve la siete mai fatta questa domanda?

Se questi detergenti uccidono i batteri, sull’essere umano, sui bambini in particolar modo così delicati, che effetto potranno avere?

Il viaggio di oggi è nel mondo delle bufale sui detergenti convenzionali; esamineremo 1 ingrediente per post, sviscerandolo e cercando di capirci qualcosa di più!

Iniziamo con l’ammoniaca.

Ammoniaca: sicuri sia un disinfettante?

La verità è lontana da quella che la pubblicità ci ha fatto credere: l’ammoniaca è sì un detergente, ma non un disinfettante. Il famoso alcool rosa dal profumo di benzina contiene, oltre al bitrex (ingrediente di origine petrolchimica) che lo rende amaro, contiene tiofene e metilchetone, sostanze irritanti e nocive per gli organismi acquatici, fatto questo che basta per sospendere l’utilizzo dell’ammoniaca.

Meglio indossare guanti e usarla con moderazione.

In generale, candeggina, ammoniaca, trielina, acido cloridrico, acido solforico, benzina, prodotti per lo sviluppo fotografico, vernici, anti parassitari, insetticidi, sono tutti prodotti pericolosi per la salute e inquinano l’ambiente se dispersi.

Inoltre, usare l’ammoniaca per pulire espone noi e tutta la famiglia a respirarla, chi la conosce bene sa che l’odore è davvero forte e pungente.
Per prima cosa voglio descrivervi che cos’è questo composto e poi spiegarvi come poterlo sostituire.

Si tratta di una base, cioè una sostanza che presenta un alto valore di pH e la sua formula chimica è: NH3. Il gas che ne deriva può essere tossico se inalato in elevate concentrazioni.

Molti di voi avranno da replicare che l’ammoniaca è un composto naturale che si forma a seguito di diverse vie cataboliche in molti organismi viventi; certo, questo è vero ma non ha effetto disinfettante e il suo accumulo non è positivo né salutare per l’ambiente.

Se l’ammoniaca non viene diluita ed entra in contatto diretto con noi, tramite la pelle, gli occhi o anche se la respiriamo può causare irritazioni molto gravi a queste zone.

Non lasciarti trarre in inganno dall’ammoniaca non profumata o da quella profumata perché hanno le stesse caratteristiche negative.

Vedo tantissime clienti che in passato usavano questo composto per pulire tutta la casa e facevano mille usi dell’ammoniaca, la adoperavano persino in lavatrice.

Niente di più sbagliato!

Ora voglio darvi qualche consiglio per sostituirla ed evitare finalmente di respirare molecole tossiche.

Possiamo fare delle scelte più ecologiche che faranno bene a noi e ai nostri figli, oltre che all’ambiente in cui viviamo. Possiamo sostituire tanti detergenti chimici come la candeggina e l’ammoniaca appunto, senza rinunciare ad una corretta igiene della nostra casa e del nostro bucato.

Se siete pronte a scoprire di più di questo universo ecologico continuate a leggere.

Puoi usare degli ingredienti che, non ci crederai ma se apri il frigo di casa e la credenza li troverai lì dentro proprio in questo momento.

  • Succo di limone, il succo di limone contiene buoni quantità di acido citrico ideale per smacchiare e pulire le superfici più resistenti. Prova questa miscela per pavimenti (NON in cotto, marmo e parquet) e piastrelle:
    1. Succo di un limone;
    2. Circa tre litri di acqua;
    3. 2 cucchiai di bicarbonato di sodio.

Unisci questi ingredienti e lava le tue superfici. Puoi usare questa miscela anche per i sanitari.

  • Sale, il sale ti aiuta a rimuovere lo sporco e le incrostazioni. Uniscilo a:
    1. Un litro di acqua calda;
    2. 1 cucchiaio rado di bicarbonato;
    3. 3 cucchiai di sale.

Fai sciogliere il bicarbonato di sodio e il sale e usa la miscela la miscela per pavimenti non delicati, per pulire i tuoi balconi e per il bucato.
Aceto, benché l’aceto non andrebbe usato a sproposito per alcuni utilizzi risulta molto utile. Ad esempio, usalo diluito in acqua per lavare i vetri al posto dell’ammoniaca.

Ci sono ancora molti modi per sostituire l’ammoniaca:

  • Prova il detersivo ecologico universale USAMIX di Verdevero, in grado di garantire una pulizia ed un igiene profonda alla casa senza inquinare;
  • Lava i pavimenti con un panno in microfibra. Questo metodo si avvale del panno in microfibra e di semplice acqua calda ma i risultati sono buoni e sicuramente molto eco. La microfibra aiuta a eliminare lo sporco senza aggiungere niente.

La cosa più incredibile che mi è capitata di vedere è l’uso dell’ammoniaca nel bucato per disinfettare. Ci tengo a ripeterlo di nuovo l’ammoniaca NON è un disinfettante e posta in lavatrice ha un effetto altamente inquinante per le acque, senza disinfettare un bel niente.

Per aiutarvi in questo scopo il consiglio è di usare il percarbonato. Lo potete trovare facilmente on-line e sul sito di Verdevero nella confezione da 1 kg.

Ammoniaca per pulire. Sicura sia anche disinfettante ultima modifica: 2012-10-12T00:00:00+02:00 da Fabrizio Zanetti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.