Sposarsi costa. E anche tanto: in Italia il costo medio di un matrimonio è di 15mila euro (ma si toccano cifre anche più esose). O almeno costa se si decide di sposarsi come ci hanno raccontato fin da piccoli: strascico, vestito da Principessa, pranzi e cene luculliane, bomboniere intarsiate di diamanti, carrozze e cavalli purosangue e i parenti alloggiati all’Hilton!

Oggi, però, si rinuncia: chi per motivi idealistici chi per il portafoglio. Ma se siete nel secondo gruppo, niente paura! Innanzitutto un bel matrimonio con 15 invitati e pic nic nel bosco non è poi una così brutta idea, ma se vi sembra davvero troppo alternativo, per voi oggi abbiamo una buona notizia: il matrimonio con lo sponsor.

I matrimoni con lo sponsor sono un fenomeno degli ultimi anni in conseguenza alla crisi economica e si basano essenzialmente sullo scambio che avviene tra la coppia e i fornitori.

I futuri sposini aprono un blog, una pagina facebook, google e twitter e iniziano a cercare fornitori interessati allo scambio: si pubblica la propria storia e si parte a raccontarne i dettagli e i preparativi.

Affinché un fornitore vi sponsorizzi occorre che si parli il più possibile della vostra storia, sui media specializzati magari, in modo che il fiorista della situazione possa cogliere l’opportunità per pubblicizzarsi a sua volta.

I fornitori potranno pubblicare sul vostro blog dei banner pubblicitari, avere articoli dedicati e rilanciati sui social network… Ma occorre anche ideare iniziative che coinvolgano altre coppie in procinto di sposarsi, magari da studiare direttamente con il vostro fornitore, che gradirà essere contattato in anticipo per usufruire il più a lungo possibile della vostra pubblicità.

Quindi, giocate d’anticipo!

 

Accanto a tutto questo, c’è da dire che l’aspetto del divertimento è molto importante, anche se sposarsi con lo sponsor non è un gioco da ragazzi, richiede tempo e dedizione.

Vi ricordiamo poi che per risparmiare, il riciclo, la sobrietà e l’autoproduzione vi saranno di grande aiuto!

 

Trucchetti per un matrimonio low cost

 

  • Matrimonio con lo sponsor;
  • Ridurre il numero degli invitati;
  • Farsi le bomboniere
  • Farsi i segnaposto
  • Acquistare l’abito da sposa in un negozio vintage;
  • Un anno prima, piantare quelle che saranno le piante decorative al posto dei fiori recisi;
  • Scegliere per il ricevimento una ristorazione a km 0.
  • Per i più alternativi: mai pensato di ricevere i parenti nel vostro giardino di casa? Preparare il cibo del vostro matrimonio insieme a genitori e amici con le verdure dell’orto!

 

 

Mi sposo low cost! ultima modifica: 2012-06-01T00:00:00+00:00 da Fabrizio Zanetti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.