“In Italia i problemi non si risolvono poiché, semplicemente, passano di moda”

E’ un aforisma attribuito dai più a Ennio Flaiano e ripreso da molti altri e risulta quindi difficile da attribuire a qualcuno in particolare. Non me ne vorrà a male nessuno quindi se commetto un errore attribuendolo a Flaiano. Rimane il fatto che stiamo parlando di una verità sacrosanta. E forse è proprio per questo che questo aforisma viene ripreso da molti.

E’ anche vero che questo è un male mondiale e non solo Italiano. Ma guardiamo al nostro orticello.

E’ un pò quello che dice anche Medici senza frontiere nell’ Ottavo rapporto su violenze, malnutrizione e malattie.

I telegiornali del bel paese si dimenticano troppo in fretta dei problemi e si concentrano troppo spesso su problematiche frivole o su notizie stupide.

Come accade ogni anno dal 2005, Medici Senza Frontiere,  con il contributo di rappresentanti del mondo giornalistico ed accademico, pone l’attenzione sulle crisi umanitarie dimenticate pubblicando un’analisi dettagliata della loro rappresentazione nei principali telegiornali italiani. I dati del 2011 parlano da soli.

  • Quarantuno notizie sull’emergenza nutrizionale nel Corno d’Africa.
  • Quarantaquattro sulle violenze in Sudan (di cui trentatre solo sul rapimento dell’operatore di Emergency Francesco Azzarà).
  • Ventiquattro sulla repressione in Bahrein.
  • Dieci sulla guerra civile in Costa d’Avorio.
  • Quattordici sulle vittime dell’AIDS (quasi tutte legate agli appelli del Papa nei suoi viaggi pastorali in Africa).
  • Nessuna sulle malattie tropicali e sugli scontri nella Repubblica Democratica del Congo.
  • Quattrocentotredici quelle sul matrimonio tra William e Kate.
  • Novantuno sul matrimonio di Alberto di Monaco

I numeri parlano da soli.

Cito il direttore generale di MSF Italia Konstantinos Moschochoritis per chiudere:  “Non siamo sicuri che le parole siano in grado di salvare vite, ma sappiano con certezza che il silenzio può uccidere”.

Le emergenze passate di moda. L’allarme di Medici Senza Frontiere. ultima modifica: 2012-05-17T00:00:00+00:00 da Fabrizio Zanetti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.