Come ogni settimana i consigli dell’Associazione Uomini Casalinghi. Questa volta qualche pratico consiglio per le pulizie della cucina.

Per far risplendere di nuovo le posate in acciaio opacizzate dal tempo, provate ad immergerle per cinque minuti in acqua bollente dove avrete sciolto un bel pizzicotto di bicarbonato di soda.

Per pulire a fondo il lavello, passatelo con un bicchierino di aceto bollente a cui avrete aggiunto un bel cucchiaio di bicarbonato di sodio. Diluite in metà acqua e strofinate.

Il vino ha lascito il segno in fondo alla bottiglia? Non lavatela con i detersivi che possono lasciare traccie e odori, ma mettete dentro un bel pugno di sale grosso e poca acqua. Sbattete con forza. I residui se ne andranno. Basterà poi sciacquare bene.

Evitate sempre di lavare le vostre padelle in ferro o i vostri tegami in ghisa. Puliteli con una paglietta in acciaio (asciutta) con un po’ di olio. Quando fosse necessario, asciugateli con cura, poi ungeteli e passateli con un pezzo di stoffa in modo che l’unto si distribuisca ed eviti la formazione della ruggine.

Dopo aver tagliato aglio e/o cipolla, passate una fetta di limone cosparsa di sale sul tagliere per rimuovere odori ed impurità.

Il vecchio giornale è amico delle pulizie. Per semplificare le pulizie, pelate le patate direttamente su un pezzo di giornale vecchio. Una volta terminato la pelatura, basterà chiudere la carta, gettarla, ed il piano sarà subito pronto.

Non lavate mai un matterello (l’umidità potrebbe farlo imbarcare). Pulitelo subito dopo averlo finito di usare con un panno per togliere i residui di farina e pasta

Se il vostro frullatore ha le lame che non si smontano, e voi lo usate per fare il pesto, per pulirlo adeguatamente, mettete all’interno del bicchiere dell’acqua calda saponata e lasciatelo agire per 30 secondi. Sciacquate.

Tegami e piatti in cui sono stati messi latte o uova o formaggio, andrebbero prima sciacquati con acqua fredda e poi lavati in acqua calda saponata. L’acqua calda farebbe infatti “cuocere” gli ingredienti che si attaccherebbero con più vigore all’utensile.

Per pulire le bastardelle o i paioli in rame, non usate mai i composti chimici in vendita. Strofinateli con un composto di sale ed aceto (o limone e sale). In tal modo il verderame e il grasso verranno completamente asportati.

Se avete appena comprato una macchina per tirare la pasta o se non usate la vostra da tempo, prima di riutilizzarla, passate una fetta di mollica di pane più volte fra i cilindri o le lame, in modo da eliminare eventuali depositi di olio o di polvere. 😉

A cura dell’Asuc

I consigli dell’asuc per la pulizia della cucina. ultima modifica: 2012-05-15T00:00:00+00:00 da Fabrizio Zanetti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.